Menatti loader
  • it
Quali salumi sono insaccati e quali no?

Quali salumi sono insaccati e quali no?

Martedì 28 Novembre 2017

Le principali differenze tra le due tipologie

51329
0

Quando parliamo di prosciutto, bresaola, salame e simili prodotti a base di carne, spesso utilizziamo genericamente la parola “salumi”. Eppure, se vogliamo essere più precisi dobbiamo sempre aggiungere a questo termine un’ulteriore specifica, che identifica la tipologia del prodotto in base a due macrocategorie: salumi insaccati e salumi non insaccati. Proviamo a fare un po’ di chiarezza su questa distinzione e sulle relative caratteristiche.

 

Le peculiarità dei salumi insaccati

 

Le varie tipologie di salame Menatti: il più famoso dei salumi insaccati

I tratti comuni che apparentano salumi insaccati e non insaccati riguardano la loro provenienza: si tratta infatti di alimenti a base di carne sottoposti a un processo di trasformazione, che ne aumenta la conservabilità, e a eventuali trattamenti specifici quali la stagionatura o l’affumicatura. L’origine delle carni può ovviamente variare di prodotto in prodotto: si utilizzano infatti bovino, suino, ovino e carni di animali meno comuni, il tutto ovviamente sottoposto a rigide certificazioni e a stretti controlli di qualità.Le somiglianze si fermano qui, perché poi possiamo distinguere, come detto, tra insaccati e salumi non insaccati. I salumi insaccati sono quelli in cui le carni lavorate vengono racchiuse all’interno di un involucro che funge da contenitore: tipicamente questa funzione è affidata all’intestino di un animale (per esempio, il budello di maiale o di pollo) in caso di involucro naturale, ma ne vengono impiegati anche di sintetici.

Uno dei salumi insaccati più diffusi – forse il più famoso – è ovviamente il Salame, che viene insaccato prima di essere sottoposto al processo di asciugatura e poi a quello di stagionatura. Anche la Mortadella rientra in questa categoria: per la precisione, è un insaccato cotto di suino che utilizza le cosce nelle loro rifilature minori, con l’aggiunta del lardello di gola. Infine la Coppa: negli stabilimenti del Salumificio Menatti seguiamo rigorosamente il metodo tradizionale di produzione, che dopo la rifilatura e il massaggio con una miscela di sale, pepe e erbe aromatiche prevede l’insacco in un budello naturale prima della stagionatura, lunga alcuni mesi.

Salumi non insaccati – quali sono

I salumi non insaccati sono invece quelli prodotti a partire da parti intere dell’animale di diversi tagli, come possono essere la spalla o la coscia, e che non prevedono tra i vari step di trasformazione, il processo di confezionamento. Questo porta a una differenziazione delle fasi di lavorazione, dal momento che non è necessario tritare e impastare le carni per poi inserirle in un budello. Tra i salumi non insaccati possiamo citare il Prosciutto cotto e il Prosciutto crudo, che si ottengono da cosce di suini sottoposte a particolari trattamenti, lo Speck, la Pancetta e ovviamente la Bresaola della Valtellina IGP, eccellenza del territorio regolamentata da uno specifico disciplinare di produzione.

Condividi
Ti potrebbe interessare anche:

Riconoscere i salumi dal profumo

Martedì 17 Settembre 2019
Riconoscere e distinguere un buon salume è molto importante. Si tratta di una competenza utile sia per il salumiere, perché gli permette di sceglier...
Leggi di più

Le antiche origini del pane imbottito

Martedì 10 Settembre 2019
  Il panino è il cibo simbolo di una cucina semplice e gustosa che accontenta da sempre grandi e piccini. Il motivo? La grande soddisfazione ...
Leggi di più

Le fasi di lavorazione dei salumi

Martedì 03 Settembre 2019
La lavorazione della carne che permette di ottenere salumi di alta qualità è un processo delicato e strutturato in più fasi, tutte fondamentali...
Leggi di più
Nessun commento
Lascia un commento
Tutti i campi sono obbligatori