Menatti loader
  • it
Quali salumi sono insaccati e quali no?

Quali salumi sono insaccati e quali no?

Martedì 28 Novembre 2017

Le principali differenze tra le due tipologie

60407
0

Quando parliamo di prosciutto, bresaola, salame e simili prodotti a base di carne, spesso utilizziamo genericamente la parola “salumi”. Eppure, se vogliamo essere più precisi dobbiamo sempre aggiungere a questo termine un’ulteriore specifica, che identifica la tipologia del prodotto in base a due macrocategorie: salumi insaccati e salumi non insaccati. Proviamo a fare un po’ di chiarezza su questa distinzione e sulle relative caratteristiche.

 

Le peculiarità dei salumi insaccati

 

Le varie tipologie di salame Menatti: il più famoso dei salumi insaccati

I tratti comuni che apparentano salumi insaccati e non insaccati riguardano la loro provenienza: si tratta infatti di alimenti a base di carne sottoposti a un processo di trasformazione, che ne aumenta la conservabilità, e a eventuali trattamenti specifici quali la stagionatura o l’affumicatura. L’origine delle carni può ovviamente variare di prodotto in prodotto: si utilizzano infatti bovino, suino, ovino e carni di animali meno comuni, il tutto ovviamente sottoposto a rigide certificazioni e a stretti controlli di qualità.Le somiglianze si fermano qui, perché poi possiamo distinguere, come detto, tra insaccati e salumi non insaccati. I salumi insaccati sono quelli in cui le carni lavorate vengono racchiuse all’interno di un involucro che funge da contenitore: tipicamente questa funzione è affidata all’intestino di un animale (per esempio, il budello di maiale o di pollo) in caso di involucro naturale, ma ne vengono impiegati anche di sintetici.

Uno dei salumi insaccati più diffusi – forse il più famoso – è ovviamente il Salame, che viene insaccato prima di essere sottoposto al processo di asciugatura e poi a quello di stagionatura. Anche la Mortadella rientra in questa categoria: per la precisione, è un insaccato cotto di suino che utilizza le cosce nelle loro rifilature minori, con l’aggiunta del lardello di gola. Infine la Coppa: negli stabilimenti del Salumificio Menatti seguiamo rigorosamente il metodo tradizionale di produzione, che dopo la rifilatura e il massaggio con una miscela di sale, pepe e erbe aromatiche prevede l’insacco in un budello naturale prima della stagionatura, lunga alcuni mesi.

Salumi non insaccati – quali sono

I salumi non insaccati sono invece quelli prodotti a partire da parti intere dell’animale di diversi tagli, come possono essere la spalla o la coscia, e che non prevedono tra i vari step di trasformazione, il processo di confezionamento. Questo porta a una differenziazione delle fasi di lavorazione, dal momento che non è necessario tritare e impastare le carni per poi inserirle in un budello. Tra i salumi non insaccati possiamo citare il Prosciutto cotto e il Prosciutto crudo, che si ottengono da cosce di suini sottoposte a particolari trattamenti, lo Speck, la Pancetta e ovviamente la Bresaola della Valtellina IGP, eccellenza del territorio regolamentata da uno specifico disciplinare di produzione.

Condividi
Ti potrebbe interessare anche:

Ecco perché durante le Feste è difficile rispettare la dieta

Martedì 10 Dicembre 2019
Inutile dirlo, durante le feste natalizie mangiare poco (e sano) è praticamente impossibile! Ma vi siete mai chiesti perché rispettare la dieta ...
Leggi di più

Gusto, tradizione e Salvaguardia per la Bresaola IGP della Valtellina

Martedì 03 Dicembre 2019
Una recentissima ricerca Doxa - Consorzio di Tutela Bresaola Valtellina IGP sui consumi degli italiani conferma che la Bresaola è tra i principal...
Leggi di più

Le principali differenze tra Pancetta, Bacon e Guanciale

Martedì 26 Novembre 2019
Pancetta, Bacon e Guanciale sono la stessa cosa? Da sempre esiste una certa confusione, che spesso si trasforma in convinzione, su questi tre salu...
Leggi di più
Nessun commento
Lascia un commento
Tutti i campi sono obbligatori