Menatti loader
  • it
Il toast è un protagonista per eccellenza della tavola e ha origini lontane nel tempo

La storia del Toast

Martedì 30 Luglio 2019

Tutte le curiosità sul re dei panini: l’origine del suo nome e la vera ricetta

148
0

Il toast è un protagonista per eccellenza della tavola, in Italia e in tutto il mondo. Queste croccanti fette di pane tostate riempiono di gusto pranzi, cene, pic-nic, merende e addirittura colazioni per tutti i gusti, dai più piccoli ai più grandi. Grazie al suo gusto irresistibile, il toast ha saputo guadagnarsi un posto tra gli ingredienti della cucina internazionale: la sua storia arriva da lontano, scopriamola. 

 

Quando e come nasce il nome toast

 

Indagando le origini del toast, scopriamo che il termine deriva dal latino “tostum” che significa letteralmente “cotto e annerito al fuoco”, in altre parole abbrustolito. Dalla stessa parola deriva anche “toaster” - tostapane, ovvero l’elettrodomestico utilizzato per tostare o abbrustolire il pane al fine di renderlo più croccante e fragrante. 

Tale strumento da cucina fu inventato nel 1893 da Alan MacMaster, ma la scarsa diffusione dell’energia elettrica ha inizialmente rallentato il successo di una macchina in grado di cucinare che, in quel periodo, pareva essere veramente innovativa e capace di cambiare la storia.

I primi esempi di preparazione del toast hanno infatti una cottura diversa: in padella. Le fette di pane venivano scaldate in un tegame e dorate soltanto da un lato. 

Trascorso qualche anno, precisamente nel 1919, Charles Strite, ispirandosi all’idea già lanciata da MacMaster, inventò una soluzione alternativa di tostapane provvisto di timer che permetteva il risparmio dell’energia grazie all’impostazione di uno “scatto” automatico non appena le fette incominciavano a dorarsi, così da evitare ogni tipo di inutile bruciatura del pane

 

Il toast nel mondo 

 

Oggi le ricette del toast sono tantissime e variano a seconda del paese in cui viene preparato. Ciò che non varia mai è il pane, rigorosamente in cassetta e tagliato a fette di spessore medio. Per quanto riguarda la scelta degli ingredienti con cui farcire i toast ci si può davvero sbizzarrire: in Italia vince la ricetta classica con Prosciutto Cotto e formaggio a pasta compatta, ricordando sempre di scegliere prodotti di ottima qualità come il Prosciutto Cotto Menatti con il suo profumo delicato ed il sapore dolce e aromatico.

Se in Francia il toast segue la “preparazione all’italiana”, gli americani adorano invece il toast in formato maxi con farciture di ogni tipo e l’immancabile aggiunta di salse. Infine, In Gran Bretagna, il toast viene preparato soprattutto per la colazione tipicamente salata: con la sua consistenza perfetta e il suo irrinunciabile sapore si è subito pronti per iniziare bene la giornata!

Condividi
Ti potrebbe interessare anche:

Riconoscere i salumi dal profumo

Martedì 17 Settembre 2019
Riconoscere e distinguere un buon salume è molto importante. Si tratta di una competenza utile sia per il salumiere, perché gli permette di sceglier...
Leggi di più

Le antiche origini del pane imbottito

Martedì 10 Settembre 2019
  Il panino è il cibo simbolo di una cucina semplice e gustosa che accontenta da sempre grandi e piccini. Il motivo? La grande soddisfazione ...
Leggi di più

Le fasi di lavorazione dei salumi

Martedì 03 Settembre 2019
La lavorazione della carne che permette di ottenere salumi di alta qualità è un processo delicato e strutturato in più fasi, tutte fondamentali...
Leggi di più
Nessun commento
Lascia un commento
Tutti i campi sono obbligatori