Menatti loader
  • it
Cresce il turismo enogastronomico

Cresce il turismo enogastronomico

Martedì 05 Febbraio 2019

I dati del Rapporto 2019 sulle abitudini di chi viaggia in Italia

31
0

I dati del Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2019 parlano chiaro: nel corso dell’ultimo anno, chi ha viaggiato in Italia lo ha fatto prevalentemente per scoprire la ricchezza di tradizioni alimentari delle nostre regioni. Nel 2018, infatti, l’interesse nei confronti delle esperienze turistiche legate al cibo è cresciuto del 48%.

Un viaggio alla scoperta del cibo

L’enogastronomia è sempre stata una delle carte vincenti dell’offerta turistica del nostro Paese, ma negli ultimi anni questo settore ha registrato successi sempre maggiori.

Il merito va a chi ha saputo valorizzare le produzioni di eccellenza del territorio, ma anche a una comunicazione efficace delle tradizioni, della storia e dell’artigianalità che stanno dietro ad ogni prodotto tipico.

Sono sempre di più, dunque, coloro che scelgono la meta delle proprie vacanze anche in base alle occasioni di degustare cibo di qualità, vedere con i propri occhi la filiera produttiva e incontrare produttori ed esperti.

Le caratteristiche del turista enogastronomico

Il Rapporto sul Turismo Enogastronomico, promosso da World Food Travel e dall’Università di Bergamo, svela il ritratto di chi mette l’enogastronomia al centro delle proprie esperienze di viaggio.

Il turista enogastronomico tipo viaggia generalmente in coppia e proviene prevalentemente dal Sud Italia. Per quanto riguarda l’età, sono coinvolte sia la generazione X (cioè i nati tra il 1965 e il 1980) che quella successiva dei Millennials, che si rivelano particolarmente interessati all’universo del cibo di qualità.

Quando sceglie la meta del suo viaggio, il turista enogastronomico cerca il cosiddetto “paesaggio enogastronomico”, ovvero l’insieme di cultura, persone, ambiente e prodotti tipici che caratterizzano un territorio. Le attività che predilige durante la vacanza sono degustazioni e visite ai mercati locali (82%), ai ristoranti storici (72%), alle aziende agricole (62%) e alle cantine (56%), come quelle valtellinesi, che ogni anno attirano moltissimi turisti, anche stranieri.

I pacchetti a tema enogastronomico dedicati all’Italia, infatti, trionfano anche all’estero. Non c’è da stupirsi: il nostro Paese offre ben 825 prodotti a Indicazione Geografica, 5056 prodotti agroalimentari tradizionali, oltre 23000 agriturismi, più di 100 musei tematici dedicati al gusto e 173 strade del vino e dei sapori.

Condividi
Ti potrebbe interessare anche:

Gli Assaggiatori di Salumi

Martedì 12 Febbraio 2019
Il motto dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi è una citazione di Confucio: “Non c’è uomo che non sappia bere o mangiare, ma sono ...
Leggi di più

I salumi italiani negli USA

Martedì 29 Gennaio 2019
Le attività di promozione dei salumi italiani all’estero non si fermano mai. Recentemente, l’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani si è recato...
Leggi di più

In Valtellina con il gusto della Bresaola

Martedì 22 Gennaio 2019
La Valtellina offre paesaggi montani mozzafiato ed è da sempre la meta ideale per chi cerca una vacanza all’insegna di sport e avventura, ma anche ...
Leggi di più
Nessun commento
Lascia un commento
Tutti i campi sono obbligatori